Icone


di Redazione Sitomulino
28 May 2021

Quel pensiero non sarebbe venuto alla sua luce, o alla sua ombra, senza essere provocato da quella immagine, che diviene essa stessa sintesi sensibile di una dimensione dell’umano.

Goya, Picasso, Holbein, le Icone ispiratrici delle nuove uscite della serie.

Giuseppe di Giacomo, La bellezza abbandonata. Le demoiselles di Picasso ci guardano minacciose, come per affermare il crollo di ogni convenzione: un’icona che segna un cambiamento irreversibile nella storia dell’arte. Il 30 giugno alle 19, l'autore sarà in dialogo con Massimo Cacciari al MAXXI di Roma

Umberto Curi, La morte del tempo. «Saturno che divora suo figlio», una delle 14 pinturas negras di Francisco José Goya, dove Saturno è l’immagine del tempo che per sopravvivere consuma e distrugge, rincorrendo forsennato la propria stessa fine. Un incubo denso di misteri che evoca potentemente il legame inscindibile fra il tempo e la morte. Umberto Curi il 10 giugno aprirà il Festival Filosofi lungo l'Oglio 2021 

Nadia Fusini, Il potere o la vita. Un quadro che ci richiama a riflettere, anche di sbieco, sulla caducità della vita umana. Un doppio ritratto, un affascinante enigma: i due ambasciatori, protagonisti, ci fissano con sguardo pensoso, diretto e al tempo stesso interiore. Un piccolo libro, su un grandissimo quadro, ci racconta l'autrice: guarda qui

Riccardo Muti e Massimo CacciariLe sette parole di Cristo. Masaccio e Haydn si fondono in un’unica immagine, come ci svela questo dialogo d’eccezione. Per rivedere il dialogo degli autori, con interventi di Sylvain Bellenger e Vittorio Verdone, realizzato in collaborazione con CUBO Condividere Cultura e https://www.riccardomutimusic.com/ guarda qui

Icone - Pensare per immagini: tutti i titoli pubblicati

Agenda

Newsletter

Per restare informati sulle novità editoriali e le iniziative culturali nelle diverse aree di interesse.

eventi

Eventi

Gli eventi sono come le pagine di un libro, si sfogliano una dopo l’altra, si apprezzano, si commentano, ci emozionano e, a volte, ci fanno sognare.